Avvocato Reati contro il Patrimonio

I delitti contro il patrimonio comprendono una serie di figure criminose, alcune tra le piu’ comuni e le più punite in in Italia. Lo Studio Legale Moscato presta assistenza legale a coloro che hanno commesso o hanno subito un crimine di questo genere, con la massima professionalità e competenza.

Per appuntamento contattare lo Studio Legale Moscato:

email: info@studiolegalemoscato.com

Tel.: +39339.3445718

UN BREVE CENNO CODICISTICO AL FINE DI FAR COMPRENDERE LE EVENTUALI CONSEGUENZE DEI PIU’ COMUNI REATI CONTRO IL PATRIMONIO:

Furto Art. 624 c.p.: Chiunque si impossessa della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene, al fine di trarne profitto per se’ o per altri e’ punito con la reclusione fino a tre anni e con la multa da lire sessantamila a un milione. Agli effetti della legge penale, si considera “cosa mobile” anche l’energia elettrica e ogni altra energia che abbia valore economico.

Furto in abitazione e furto con strappo Art. 624 bis: Chiunque si impossessa della cosa mibile altrui, sottraendola a chi la detiene, al fine di trarne profitto per se o per altri, mediante introduzione in un edificio o in un altro luogo destinato in tutto o in parte a privata dimora o nelle pertinenze di essa, è punito con la reclusione da un anno a sei anni e con la multa da Euro 309,00 a Euro 1032,00. Alla stessa pena di cui al primo comma soggiace chi si impossessa della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene, al fine di trarne profitto per se o per altri, strappandola di mano o di dosso alla persona. La pena è della reclusione da tre a dieci anni e con la multa da Euro 206,00 a Euro 1549,00 se il reato è aggravato da una o più delle circostanze previste nel primo comma dell’art. 625 ovvero se ricorre una o più delle circostanze indicate dall’art. 61.

Sottrazione di cose comuni Art. 627: Il comproprietario, socio o coerede che, per procurare a se’ o ad altri un profitto, s’impossessa della cosa comune, sottraendola a chi la detiene, e’ punito, a querela della persona offesa, con la reclusione fino a due anni o con la multa da lire quarantamila a quattrocentomila. Non e’ punibile chi commette il fatto su cose fungibili, se il valore di esse non eccede la quota a lui spettante. Comma cosi’ sostituito dalla L. 24 novembre 1981, n. 689.

Rapina Art. 628: Chiunque, per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, mediante violenza alla persona  o minaccia, s’impossessa della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene, è punito con la reclusione da quattro a dieci anni e con la multa da 927 euro a 2.500 euro.
Alla stessa pena soggiace chi adopera violenza o minaccia immediatamente dopo la sottrazione, per assicurare a sé o ad altri il possesso della cosa sottratta, o per procurare a sé o ad altri l’impunità.
La pena è della reclusione da cinque anni a venti anni e della multa da 1.290 euro a 3.098 euro:

  1. 1) se la violenza o minaccia è commessa con armi [585 2], o da persona travisata, o da più persone riunite;
  2. 2) se la violenza consiste nel porre taluno in stato d’incapacità di volere o di agire [605, 613; c. nav. 1137];
  3. 3) se la violenza o minaccia è posta in essere da persona che fa parte dell’associazione di cui all’articolo 416bis;
  4. 3-bis) se il fatto è commesso nei luoghi di cui all’articolo 624-bis o in luoghi tali da ostacolare la pubblica o privata difesa;
  5. 3-ter) se il fatto è commesso all’interno di mezzi di pubblico trasporto;
  6. 3-quater) se il fatto è commesso nei confronti di persona che si trovi nell’atto di fruire ovvero che abbia appena fruito dei servizi di istituti di credito, uffici postali o sportelli automatici adibiti al prelievo di denaro;
  7. 3-quinquies) se il fatto è commesso nei confronti di persona ultrasessantacinquenne.

Se concorrono due o più delle circostanze di cui al terzo comma del presente articolo, ovvero se una di tali circostanze concorre con altra fra quelle indicate nell’art. 61, la pena è della reclusione da 6 a 20 anni, e della multa da euro 1.538 a ero 3.098.
Le circostanze attenuanti, diverse da quella prevista dall’articolo 98, concorrenti con le aggravanti di cui al terzo comma, numeri 3), 3-bis), 3-ter) e 3-quater), non possono essere ritenute equivalenti o prevalenti rispetto a queste e le diminuzioni di pena si operano sulla quantità della stessa risultante dall’aumento conseguente alle predette aggravanti. Pene così modificate dalla L. 23 giugno 2017, n. 103.

Estorsione Art. 629: Chiunque, mediante violenza o minaccia, costringendo taluno a fare o ad omettere qualche cosa, procura a se’ o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, e’ punito con la reclusione da cinque a dieci anni e con la multa da lire un milione a quattro milioni. La pena e’ della reclusione da sei a venti anni e della multa da lire due milioni a lire sei milioni, se concorre taluna delle circostanze indicate nell’ultimo capoverso dell’articolo precedente. Comma cosi’ modificato dall’art. 8, D.L. 31 dicembre 1991, n. 419. Comma cosi’ modificato dalla L. 14 ottobre 1974, n. 497.

Danneggiamento Art. 635: Chiunque distrugge, disperde, deteriora o rende, in tutto o in parte, inservibili cose mobili o immobili altrui e’ punito, a querela della persona offesa con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a lire seicentomila. La pena e’ della reclusione da sei mesi a tre anni e si procede d’ufficio, se il fatto e’ commesso: 1) con violenza alla persona o con minaccia; 2) da datori di lavoro in occasione di serrate, o da lavoratori in occasione di sciopero, ovvero in occasione di alcuno dei delitti preveduti dagli artt. 330, 331 e 333; 3) su edifici pubblici o destinati a uso pubblico all’esercizio di un culto, o su altre delle cose indicate nel n. 7 dell’articolo 625; 4) sopra opere destinate all’irrigazione; 5) sopra piante di viti, di alberi o arbusti fruttiferi, o su boschi, selve o foreste, ovvero su vivai forestali destinati al rimboschimento.Con sentenza n. 119 del 6 luglio 1970 la Corte cost. ha dichiarato l’illegittimita’ del secondo comma di questo articolo nella parte in cui prevede come circostanza aggravante e come causa di procedibilita’ d’ufficio il fatto che il reato sia commesso da lavoratori in occasione di sciopero e da datori di lavoro in occasione di serrata.

Truffa Art. 640 : Chiunque, con artifizi o raggiri, inducendo taluno in errore, procura a se’ o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, e’ punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da lire centomila a due milioni. La pena e’ della reclusione da uno a cinque anni e della multa da lire seicentomila a tre milioni: 1) se il fatto e’ commesso a danno dello Stato o di un altro ente pubblico o col pretesto di far esonerare taluno dal servizio militare; 2) se il fatto e’ commesso ingenerando nella persona offesa il timore di un pericolo immaginario o l’erroneo convincimento di dovere eseguire un ordine dell’Autorita’. Il delitto e’ punibile a querela della persona offesa, salvo che ricorra taluna delle circostanze previste dal capoverso precedente o un’altra circostanza aggravante.

Usura Art. 644 : Chiunque, fuori dei casi previsti dall’articolo 643, si fa dare o promettere, sotto qualsiasi forma, per se’ o per altri, in corrispettivo di una prestazione di denaro o di altra utilita’, interessi o altri vantaggi usurari, e’ punito con la reclusione da due a dieci anni e con la multa da euro 5.000 a euro 30.000. Alla stessa pena soggiace chi, fuori del caso di concorso nel delitto previsto dal primo comma, procura a taluno una somma di denaro od altra utilita’ facendo dare o promettere, a se’ o ad altri, per la mediazione, un compenso usurario. La legge stabilisce il limite oltre il quale gli interessi sono sempre usurari. Sono altresi’ usurari gli interessi, anche se inferiori a tale limite, e gli altri vantaggi o compensi che, avuto riguardo alle concrete modalita’ del fatto e al tasso medio praticato per operazioni similari, risultano comunque sproporzionati rispetto alla prestazione di denaro o di altra utilita’, ovvero all’opera di mediazione, quando chi li ha dati o promessi si trova in condizioni di difficolta’ economica o finanziaria. Per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate alla erogazione del credito. Le pene per i fatti di cui al primo e secondo comma sono aumentate da un terzo alla meta’: 1) se il colpevole ha agito nell’esercizio di una attivita’ professionale, bancaria o di intermediazione finanziaria mobiliare; 2) se il colpevole ha richiesto in garanzia partecipazioni o quote societarie o aziendali o proprieta’ immobiliari; 3) se il reato e’ commesso in danno di chi si trova in stato di bisogno; 4) se il reato e’ commesso in danno di chi svolge attivita’ imprenditoriale, professionale o artigianale; 5) se il reato e’ commesso da persona sottoposta con provvedimento definitivo alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale durante il periodo previsto di applicazione e fino a tre anni dal momento in cui e’ cessata l’esecuzione. Nel caso di condanna, o di applicazione di pena ai sensi dell’articolo 444 del codice di procedura penale, per uno dei delitti di cui al presente articolo, e’ sempre ordinata la confisca dei beni che costituiscono prezzo o profitto del reato ovvero di somme di denaro, beni ed utilita’ di cui il reo ha la disponibilita’ anche per interposta persona per un importo pari al valore degli interessi o degli altri vantaggi o compensi usurari, salvi i diritti della persona offesa dal reato alle restituzioni e al risarcimento dei danni.

Appropriazione indebita Art. 646: Chiunque, per procurare a se’ o ad altri un ingiusto profitto, si appropria il denaro o la cosa mobile altrui di cui abbia, a qualsiasi titolo, il possesso, e’ punito, a querela della persona offesa con la reclusione fino a tre anni e con la multa fino a lire due milioni. Se il fatto e’ commesso su cose possedute a titolo di deposito necessario, la pena e’ aumentata. Si procede d’ufficio se ricorre la circostanza indicata nel capoverso precedente o taluna delle circostanze indicate nel n. 11 dell’articolo 61.

Ricettazione Art. 648 : Fuori dei casi di concorso nel reato, chi, al fine di procurare a se’ o ad altri un profitto, acquista, riceve od occulta denaro o cose provenienti da un qualsiasi delitto, o comunque s’intromette nel farli acquistare, ricevere od occultare, e’ punito con la reclusione da due a otto anni e con la multa da lire un milione a lire venti milioni. La pena e’ della reclusione sino a sei anni e della multa sino a lire un milione, se il fatto e’ di particolare tenuita’. Le disposizioni di questo articolo si applicano anche quando l’autore del delitto, da cui il denaro o le cose provengono, non e’ imputabile o non e’ punibile.

Riciclaggio Art. 648 bis: Fuori dei casi di concorso nel reato, chiunque sostituisce denaro, beni o altre utilita’ provenienti dai delitti di rapina aggravata, di estorsione aggravata, di sequestro di persona a scopo di estorsione o dai delitti concernenti la produzione o il traffico di sostanze stupefacenti o psicotrope, con altro denaro, altri beni o altre utilita’, ovvero ostacola l’identificazione della loro provenienza dai delitti suddetti, e’ punito con la reclusione da quattro a dodici anni e con la multa da lire due milioni a lire trenta milioni. La pena e’ aumentata quando il fatto e’ commesso nell’esercizio di un’attivita’ professionale. Si applica l’ultimo comma dell’articolo 648